Lo Stress cronico

Quando i glucocorticoidi o l’adrenalina sono secreti in risposta ad un qualsiasi stress psicologico cronico la risposta nell’uomo non è ideale. Normalmente l’intero organismo reagisce allo stress rilasciando ormoni per migliorare la memoria, aumentare la funzione immunitaria, aumentare l’attività muscolare e ripristinare l’omeostasi alterata. Se tu non puoi scappare o lottare, ma sei frustrato in una fila del supermercato o sei bloccato nel traffico metropolitano, tu non puoi utilizzare l’attività muscolare. Tuttavia quando questo meccanismo continua ad essere stimolato e quando ciò avviene cronicamente si manifestano diverse conseguenze: la memoria peggiora, la funzione immunitaria è soppressa e l’energia è immagazzinata nei depositi di grasso. La sovraesposizione al cortisolo può portare anche ad un indebolimento muscolare e alla soppressione dei principali sistemi organici; elevate quantità di adrenalina producono aumento della pressione sanguigna. Contemporaneamente, elevati livelli di cortisolo possono contribuire alla ipertensione cronica, alla obesità addominale e all’aterosclerosi.
L’adrenalina aumenta anche l’attività dei fattori chimici organici che contribuiscono ai processi infiammatori e queste sostanze chimiche contribuiscono al carico dello stress cronico, portando potenzialmente all’aterosclerosi, all’artrite e ad un invecchiamento precoce del cervello.
Gli scienziati hanno identificato diversi disturbi associati allo stress, inclusa la colite, l’ipertensione arteriosa, intasamento delle arterie, impotenza e perdita del desiderio sessuale, ciclo mestruale irregolare, insorgenza di diabete e probabilmente tumori. L’invecchiamento precoce nei ratti mostra peggioramento della funzione neuronale nell’ippocampo – un’area del cervello importante per l’apprendimento, la memoria e le emozioni – come risultato della continua secrezione di cortisolo. La sovraesposizione dei glucocorticoidi aumenta anche il numero dei neuroni danneggiati dall’ictus. Inoltre, l’esposizione prolungata prima o immediatamente dopo la nascita può causare una riduzione del normale numero dei neuroni cerebrali con riduzione delle dimensioni cerebrali.
Il sistema immunitario che riceve i messaggi dal sistema nervoso è sensibile anche a molti ormoni circolanti del corpo, inclusi gli ormoni dello stress. Moderati elevati livelli di glucocorticoidi agiscono sopprimendo la funzione immunitaria anche se l’innalzamento in acuto degli ormoni dello stress possono facilitare la funzione immunitaria. Sebbene il miglioramento della funzione immunitaria indotta da uno stress acuto possa essere protettiva contro gli agenti patogeni, l’immunosoppressione indotta dai glucocoritoidi può essere anche benefica. Essa riduce l’infiammazione e neutralizzare le reazioni allergiche e la risposta autoimmunitaria che si manifesta quando le difese del corpo agiscono contro i propri tessuti. I glucocoricoidi sintetici, come l’idrocortisone e il prednisone sono usati spesso per ridurre i processi infiammatori e autoimmunitari. Ma i glucocorticoidi possono essere dannosi in caso di aumento della crescita tumorale associati allo stress in condizioni sperimentali. Un importante determinante della resistenza o della suscettibilità del sistema immunitario alle malattie può essere una sensazione personale di controllo opposto a un sentimento di incapacità. Questo fenomeno può aiutare a spiegare le ampie variazioni della risposta alle malattie. I ricercatori trovano difficoltà nell’identificare come la percezione del controllo o l’incapacità possano influenzare i processi fisiologici che regolano la funzione immunitaria. I sistema cardiovascolare riceve molti messaggi dal sistema nervoso autonomico e le esperienze stressanti hanno un immediato e diretto effetto sulla frequenza cardiaca e sui livelli pressori ematici. In breve tempo queste modificazioni aiutano la risposta allo stress. Ma quando gli eventi stressanti diventano cronici e fisiologici l’effetto può essere dannoso e accelerare l’aterosclerosi e aumentare il rischio di attacchi cardiaci. I ricercatori sostengono l’idea che le persone che cambiano spesso lavoro con numerose e continue richieste, come i centralinisti, i camerieri, i cassieri hanno una elevata frequenza di malattie cardiache rispetto alle persone che possono imporre lo stile e lo spazio della loro vita lavorativa. Alcuni aspetti comportamentali possono rendere una persona suscettibile ad attacchi cardiaci. Le persone ad alto rischio sono quelle ostili, facilmente irritabili da cose banali e presentano segni di fatica continua contro il tempo e altre avversità. I ricercatori hanno trovato che le persone con alti livelli di ostilità e alti livelli di idee persecutorie hanno elevati livelli degli ormoni dello stress. Così se tu ha un tratto di personalità simile, impara a ridurre o ad evitare la rabbia in modo tale da ridurre gli eventuali rischi cardiovascolari.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: