Affrontare le necessità della salute mentale

Affrontare le necessità della salute mentale: parte integrante della risposta al COVID-19.

Nell’editoriale del numero di giugno 2020 della rivista scientifica World Psychiatry, 01b087b7df72c45b5a5d08edc5219bc1-1Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore-Generale, della World Health Organization “affronta le necessità della salute mentale come parte integrante della risposta al coronavirus”. Non solo la pandemia COVID-19 coinvolge la salute fisica delle persone ma colpisce anche la salute mentale. “Durante una crisi”, afferma Ghebreyesus “è naturale per un individuo avere paura, tristezza ed ansia. In effetti, la paura del virus si sta diffondendo anche più velocemente del virus stesso. Nella attuale crisi, le persone possono avere paura di ammalarsi, di morire, di perdere mezzi di sussistenza e persone care, di restare esclusi socialmente e separate da famiglie e caregiver.  Le persone che risultano positive al COVID-19 devono far fronte all’ansia della propria condizione, al disagio fisico, alla separazione dei propri cari, all’isolamento e probabilmente allo stigma.

Molte persone nel mondo stanno soffrendo per la perdita di mezzi di sussistenza e di opportunità. Coloro che hanno una persona cara affetta dal COVID-19 stanno affrontando preoccupazioni e separazioni. Alcune persone si dedicano all’alcool, a droghe o a comportamenti d’abuso così come il gioco d’azzardo patologico.

È aumentata la violenza domestica. Infine, le persone che subiscono la morte di un familiare per il COVID-19 possono non essere presenti durante il suo funerale secondo le loro tradizioni culturali, condizione che può interrompere il processo di lutto

(vedi articolo di Solomita in Quaderni di Telos, maggio 2020).

I lavoratori di prima linea, soprattutto lo staff sanitario, stanno giocando un ruolo cruciale nel combattere la pandemia e salvare le vite umane. Essi sono sotto forte stress, devono fronteggiare enormi carichi di lavoro e si confrontano costantemente con la grande sofferenza e con l’elevato tasso di mortalità. Corrono il rischio di essere infettati, di lavorare con assenza o limitazione dei dispositivi di protezione personale. Purtroppo, è stato segnalato lo stigma sociale nei confronti di chi lavora con le persone con COVID-19, mentre avrebbero bisogno del sostegno di tutti. La preoccupazione non è solo l’elevato rischio per problemi di salute mentale a breve termine ma anche lo sviluppo di disturbi mentali e comportamentali, come la depressione, il disturbo da stress post-traumatico e l’abuso di alcool.

Durante l’epidemia di SARS del 2003 in Asia, le persone colpite hanno sperimentato alti livelli di stress traumatico. Le persone che erano state messe in quarantena o che lavoravano in luoghi ad alto rischio come i reparti della SARS, o che avevano amici o parenti stretti che avevano contratto la SARS, avevano molte più probabilità di avere problemi di salute mentale. È chiaro che i sistemi di salute mentale in tutti i paesi devono essere rafforzati per far fronte all’impatto di COVID-19. Ci sono reports da paesi e nella letteratura scientifica che la malattia di COVID-19 sia sempre più associata a manifestazioni mentali e neurologiche, incluso il delirio, così come l’ansia, i disturbi del sonno e la depressione. Inoltre, è probabile che il COVID-19 aggravi i disturbi preesistenti di salute mentale, neurologici e di uso di sostanze, limitando l’accesso per coloro che necessitano di servizi. In molti paesi, i servizi di salute mentale della comunità hanno smesso di funzionare. Tuttavia, oltre il 20% degli adulti di età superiore ai 60 anni ha condizioni mentali o neurologiche sottostanti, che rappresentano una grande percentuale di persone con grave malattia COVID-19. Le strutture di assistenza a lungo termine per le persone con condizioni di salute mentale (ad es. ospedali psichiatrici e strutture residenziali per le persone con demenza) sono luoghi in cui le infezioni possono essere particolarmente difficili da controllare. La cura e la protezione dei diritti umani dei residenti in tali strutture devono far parte di qualsiasi risposta di emergenza alla salute pubblica.

È di vitale importanza affrontare la salute mentale nelle emergenze della salute pubblica. “Nessuna salute senza salute mentale”, una cattiva salute mentale è associata a una ridotta aderenza agli interventi di salute fisica. Una lente psicosociale aiuta a migliorare qualsiasi programmazione di emergenza, compresa la salute pubblica. In tali emergenze, i fattori psicologici nella popolazione colpita svolgono un ruolo chiave nella loro disponibilità a rispettare le misure di sanità pubblica. Qualsiasi successo nell’affrontare l’ansia e l’angoscia delle persone renderà più facile per le persone la volontà e la capacità di seguire le linee guida pertinenti delle autorità sanitarie pubbliche.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, insieme a diversi partner, ha prodotto le direttive dell’assistenza e della MHPSS per la sensibilizzazione, tradotte in più di 30 lingue e ampiamente diffuse. Ciò include, ad esempio, la Nota informativa intermedia dello IASC che affronta la salute mentale e gli aspetti psicosociali dell’epidemia COVID-19 e la Guida dell’OMS sulla salute mentale e le considerazioni psicosociali durante l’epidemia COVID-19, come parte della comunicazione del rischio e dell’orientamento tecnico dell’impegno della comunità per la risposta COVID-19.

Inoltre, è stato preparato un ampio range di materiale dalla WHO e dai suoi partner, compreso messaggi specifici per aiutare le persone vulnerabili, compresi i ragazzi e gli anziani, linee-guida sulla manifestazione mentali e neurologiche e strumenti psicosociali, oltre alla continuazione e all’adattamento dei servizi psicosociali e della salute mentale essenziali nello sviluppo e negli ambienti umanitari durante la pandemia di COVID-19. Le emergenze umanitarie possono essere un efficace spinta per da forza alla salute mentale di comunità, come parte di un obiettivo generale di copertura universale.

Le strategie identificate dall’OMS guideranno gli sforzi per rafforzare l’assistenza sanitaria mentale nei paesi che stanno superando la pandemia da COVID-19. Queste includono:

  1. pianificare sin dall’inizio la sostenibilità a lungo termine;
  2. indirizzare le ampie esigenze di salute mentale della popolazione;
  3. rispettare il ruolo centrale del governo;
  4. ingaggiare organizzazioni professionali nazionali;
  5. assicurare un efficace coordinamento tra le agenzie;
  6. rimodulare le programmazioni e le politiche dei servizi di salute mentale come parte della riforma;
  7. rafforzare l’intero sistema di salute mentale;
  8. investire sulle risorse umane in ambito sanitario;
  9. utilizzare progetti dimostrativi per raccogliere fondi per riforma più ampia;
  10. investire nel sostengo per mantenere lo slancio per il cambiamento.

Questo approccio si collega anche all’iniziativa speciale dell’OMS per la salute mentale: copertura sanitaria universale per la salute mentale, che contribuirà a migliorare l’accesso ai servizi di salute mentale. Il nostro approccio alla salute mentale è complete, non solo perché si concentra sulla risposta alla crisi attuale e alla ripresa dopo la crisi, ma anche sulla preparazione e lo sviluppo dei servizi prima della prossima emergenza nel creare servizi di salute mentale basati sulla comunità.

Salute per TUTTI significa avere sistemi sanitari forti e i sistemi sanitari forti sono sistemi sanitari resilienti.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: